Registrati gratis Login
Home » 31 consigli per campagne natalizie professionali

31 consigli per campagne natalizie professionali

28/11/2016

Migliora gli affari di fine anno con i nostri consigli

Le feste di fine anno sono senza dubbio il periodo più redditizio dell’anno per gli esercenti. Le newsletter sono il canale di marketing che meglio riesce a sfruttare il potenziale delle feste di fine anno. Difficile trovare infatti uno mezzo di comunicazione così personale e diretto come le email.

Affinché le tue newsletter funzionino davvero, è necessario sorprendere ed entusiasmare i tuoi iscritti. Per aiutarti a farlo abbiamo abbiamo steso questo White Paper con 31 consigli professionali per le tue campagne corredate anche di un supplemento con altri spunti per la creazione delle tue newsletter. Scarica qui il White Paper:

In questo White Paper ti accompagneremo nelle diverse fasi, dalla pianificazione, al design, all’ottimizzazione fino all’invio della tua campagna di email marketing natalizio. Eccone un assaggio.

1. Strategia e pianificazione: essere fonte di ispirazione

L’ambito obiettivo dell’aumento del fatturato può essere raggiunto anche contribuendo con le proprie newsletter a diffondere lo spirito natalizio e facendo entrare così gli iscritti nel giusto clima degli acquisti. Crea ad esempio un elenco di possibili regali e aiuta così i tuoi destinatari nella scelta dell’idea regalo giusta per i loro cari. Come? Leggi i nostri spunti per le campagne natalizie in calce al White Paper.

Un altro modo per presentare i tuoi prodotti in forma di contenuti più accattivanti è quella di dare consigli per i giorni di festa: idee per le decorazioni, ricette e suggerimenti vari per i preparativi. Con delle idee per le vacanze di Natale potrai stimolare, infine, la voglia di acquisti anche dei più reticenti. Solletica il desiderio di viaggiare dei diversi gruppi target, ad esempio con un viaggio al Polo Nord per conoscere il paese di Babbo Natale o ai tropici per coloro che vogliono fuggire dalle fredde temperature invernali.

2. Design e contenuti: aggiungere recensioni e referenze

A nessuno piace comprare qualcosa a scatola chiusa. Le recensioni di altri clienti aumentano l’affidabilità dei prodotti e consento ai clienti di valutare con più facilità se il prodotto presentato nella newsletter sia adatto o meno alle loro necessità.

Non ci sono però solo le recensioni: commenti particolarmente positivi per la velocità della consegna o per la qualità del servizio prestato, soprattutto nel periodo natalizio possono essere punti a tuo vantaggio. Mostra ai tuoi clienti che anche in un periodo particolarmente stressante come quello delle feste puoi garantire cordialità, impeccabilità e precisione. Questi vantaggi renderanno i tuoi servizi più affidabili rispetto a quelli di altri concorrenti.

3. Test e ottimizzazione: essere creativi nell’oggetto dell’email

Di solito gli oggetti delle email tra i 50 e i 60 caratteri sono quelli che funzionano meglio. Può tuttavia valere la pena fare delle prove di invio con oggetti più corti o più lunghi. I test A/B sono lo strumento giusto per scoprire se le percentuali migliori di aperture si verificano con un oggetto più corto o più lungo.

Inoltre, puoi provare a usare un oggetto insolito per il tuo prodotto o per il tuo settore. Prova ad attirare l’attenzione dei destinatari e creare associazioni inedite.

Un consiglio in più: non rinunciare all’uso dei simboli nell’oggetto. Per le newsletter di Natale vanno benissimo fiocchi di neve, stelle, alberelli di natali o pacchetti. Su alcuni client di posta elettronica questi simboli vengono visualizzati addirittura a colori e non passano affatto inosservati tra la marea di email che invade ogni giorno la casella di posta. Attenzione però a usare simboli che siano rilavanti e congruenti con i contenuti presentati.

4. Segmentazione e invio: testare diversi momenti d’invio

Il momento migliore per l’invio delle tue newsletter dipende da diversi fattori. Tra questi la tipologia del gruppo target, le abitudini dei destinatari, i contenuti della newsletter e le abitudini di invio dei concorrenti.

È difficile per questo dare consigli realmente validi sul momento ideale per l’invio delle tue newsletter. In generale, però, se i destinatari sono per lo più privati, l’orario migliore per contattarli è tra le 19 e le 22 o il fine settimana. Inviando loro newsletter in questi momenti è più probabile che siano online e che leggano l’email.

Tuttavia, può valere la pena inviare la newsletter a orari e giorni diversi per capire quale dà i risultati migliori per il gruppo target di riferimento. Prova, ad esempio, a inviare una newsletter all’orario teoricamente più propizio e una seconda newsletter in un momento totalmente improprio per avere un margine di vantaggio sulla concorrenza.

Un’idea dal nostro supplemento: creare un calendario dell’Avvento al contrario

Questa campagna è una buona alternativa al classico calendario, ma decisamente più accattivante per la sua particolarità. La struttura è simile a quella di un calendario classico, ma inizia con l’invio di 24 offerte. Ogni giorno ne scade una e questo viene comunicato quotidianamente con un’email di promemoria. In questo modo i clienti hanno una gamma di prodotti più vasta tra cui scegliere e difficilmente vorranno farsi sfuggire delle buone occasioni. A tutto vantaggio del tuo fatturato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Newsletter2Go utilizza i cookies per offrirti un servizio migliore. Se continui a navigare su questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookies. Acconsento.