Home »

WhatsApp marketing: che cos’è e come funziona

Scopri perché sempre più aziende vogliono utilizzare WhatsApp per mandare newsletter ai propri clienti e qual’è la situazione attuale in materia.

WhatsApp marketing nelle aziende

Tutti parlano del WhatsApp marketing ovvero dell’invio delle newsletter tramite questa applicazione molto diffusa ed utilizzata.

Proprio per la sua popolarità, moltissime aziende sono alla ricerca di un software che permetta di inviare le newsletter tramite WhatsApp. Prima di imboccare questa strada è bene informarsi sui i pro e i contro di questa soluzione e capire a cosa si va incontro se si fa WhatsApp marketing.

Informazione importante

WhatsApp può essere utilizzato, secondo i termini di servizio, solamente per uso privato e non per scopi commerciali. La pubblicità attraverso WhatsApp non è quindi legale e chi non rispetta questa regola può rischiare di perdere l’account e tutti i contatti inseriti.

Per pubblicità s’intende anche l’invio di spam, newsletter e messaggi indesiderati impostati e spediti con sistemi automatici. Chiunque non segua questa regola perde la possibilità di utilizzare l’app e il numero di telefono viene bloccato senza possibilità di riattivarlo.

Design responsivo e crea Newsletter 2Go

Perché il WhatsApp marketing è allettante:

  • Maggiore tasso di aperture
  • I messaggi vengono letti velocemente
  • I messaggi vengono inviati a molte persone automaticamente
  • Costi inesistenti

Tuttavia WhatsApp marketing ha molti svantaggi:

  • WhatsApp non è stato creato per fare marketing e per inviare le newsletter
  • I numeri dai quali vengono inviate le newsletter tramite WhatsApp marketing possono essere bloccati
  • I numeri bloccati non possono più essere utilizzati
  • Se il contatto viene bloccato si perdono tutti i contatti
  • La lista dei contatti ha un limite e per l’invio massio servono più numeri
  • Non è possibile seguire le statistiche ed avere report sulle newsletter inviate tramite azioni di WhatsApp marketing

Come inviare newsletter con WhatsApp?

Se, nonostante WhatsApp si trovi in una zona grigia per quanto riguarda l’invio delle newsletter, e cioè fra legalità e non legalità, vuoi inviare delle newsletter, ti consigliamo di seguire questi punti.

Innanzitutto è necessario chiedere il consenso da parte dei destinatari. Ciò sarà ancora più forte da maggio 2018 con l’entrata in vigore del nuovo Regolamento UE in materia di Privacy. Se si utilizza WhatsApp per l’email marketing bisogna includere il sistema di double-opt-in in modo che i destinatari confermino di voler ricevere le newsletter e che il numero dato appartiene a loro.

Proprio perché la situazione circa la legalità di azioni di WhatsApp marketing non è chiara, Newsletter2Go non offre questo servizio. Anche la recente uscita di WhatsApp Business non consente di definire la situazione, dato che rimane il problema legato al trattamento dei dati personali e la conferma del consenso da parte dei singoli.

Un’alternativa sicura al WhatsApp marketing

L’alternativa sicura all’invio delle newsletter tramite WhatsApp è l’utilizzo degli SMS. L’invio di newsletter attraverso gli SMS è sicuro e non si trova nella zona grigia in cui si trova WhatsApp.

Ancora più sicuro è l’utilizzo di una piattaforma specializzata nell’invio delle newsletter, come quella di Newsletter2Go, che ti consente di creare campagne di email marketing professionali e rispettose dei diritti dei destinatari.

Invio test di prova gratuito

Newsletter2Go utilizza i cookies per offrirti un servizio migliore. Se continui a navigare su questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookies. Acconsento.