Registrati gratis Login
Home » Caratteristiche » Inviare newsletter » Test A/B multifiltro

Test A/B per newsletter a più varianti

Incluso nella tariffa STANDARD

Aumenta il tuo fatturato testando le diverse varianti della tua newsletter:

  • Split testing su oggetto, nome del mittente e contenuto
  • Confronto di ben 3 varianti per ogni attributo
  • Ottimizzazione delle percentuali di apertura e click
  • Invio automatico della variante più efficace
Test AB

Email più efficaci con il test A/B per newsletter

Ottimizza l’invio delle tue newsletter con il test A/B a più varianti di Newsletter2Go. Con il nostro software per newsletter puoi testare l’efficacia di diversi oggetti, nomi di mittente e contenuti.

Vogliamo infatti che gli indici di performance registrati dalle tue newsletter siano sempre i migliori possibili. Testare le newsletter prima di inviarle alla maggior parte dei tuoi iscritti consente di raggiungere migliori percentuali di apertura, di click e di conversioni e di inviare quindi email sempre più efficaci.

Il ROI non potrà che esserne influenzato positivamente senza alcun tipo di investimento economico.

Come funziona il test A/B a più varianti di Newsletter2Go?

Il test A/B per newsletter offerto da Newsletter2Go puoi effettuare uno split testing di più varianti di una sola variabile, ad esempio l’oggetto della newsletter, o di più variabili contemporaneamente, ad esempio l’oggetto e il nome del mittente. Questa tipologia di test a più varianti ti consente di testare le tue newsletter in modo molto più efficiente e preciso di un semplice test A/B per newsletter, con il quale è possibile confrontare la performance di due sole variabili.

Con il test A/B di Newsletter2Go puoi confrontare la performance di diverse tipologie di contenuti, ma anche di diversi oggetti e nome del mittente – fino a ben 9 diverse combinazioni. Il test A/B consente di inviare fino a 9 varianti diversi della stessa newsletter.

Ogni variante viene inviata a una piccola percentuale di destinatari da te definita. La scelta degli indirizzi email avviene in modo casuale per aumentare l’efficacia dello split test. Inoltre, per aumentare l’attendibilità del test è necessario inviare le newsletter di prova a una percentuale significativa di contatti: maggiori sono i dati a disposizione, migliori sono gli indici finali registrati dalla campagna di newsletter.

Anche il tempo intercorrente tra le newsletter di prova e quella “ufficiale” può essere determinato con la massima libertà; in questo arco di tempo il software raccoglie i dati in base ai quali scegliere alla fine la variante migliore. Per raccogliere il maggior numero di dati è necessario che vi sia un intervallo di tempo di minimo 24 ore tra l’invio delle newsletter di prova e quello della variante di newsletter che ha registrato i migliori indici di performance. Anche un arco di tempo troppo lungo, però, rischia di compromettere l’affidabilità dei dati, in quanto il momento d’invio (ad esempio il giorno della settimana) può influenzare ad esempio le percentuali di apertura.

Inoltre, se possibile tutte le varianti del test dovrebbero avere contenuti simili: meglio evitare di confrontare diverse offerte tra loro. A tal fine si prestano infatti meglio le statistiche di Newsletter2Go. Filtrando i risultati registrati è infatti possibile determinare quale offerta è stata accolta meglio dai diversi gruppi target.

Trascorso l’arco di tempo prestabilito, il software di Newsletter2Go invia automaticamente alla percentuale di destinatari rimanenti la variante che ha registrato gli indici migliori.

Newsletter2Go utilizza i cookies per offrirti un servizio migliore. Se continui a navigare su questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookies. Acconsento.