Registrati gratis Login

Quali contenuti vogliono realmente ricevere gli iscritti alla tua newsletter?

Quali contenuti vogliono ricevere gli iscritti di una newsletter

Scopri le differenze di aspettative tra email marketer e iscritti

La rilevanza è di sicuro il più importante fattore di successo nell’email marketing. Solo quando una newsletter centra davvero gli interessi dei suoi iscritti viene aperta, letta e, nel migliore dei casi, genera conversioni. Tuttavia, per chi fa marketing non sempre è facile capire quello che vorrebbero ricevere i propri iscritti e come soddisfare i loro interessi. Per fare un po’ di luce su questa problematica, l’associazione inglese per il marketing diretto, la DMA (Direct Marketing Association) ha recentemente condotto uno studio, nel quale ha messo a confronto le priorità degli email marketer con le aspettative e i desideri dei destinatari. In questo articolo entreremo nei dettagli di questo studio, soffermandoci in particolare sulle differenze di aspettative tra email marketer e sottoscrittori di newsletter.

Cosa pensano dell’email marketing gli iscritti e i marketer?

Per venditori e promotori, l’email marketing riveste un ruolo fondamentale. Secondo lo studio della DMA, il 95% di questi ha dichiarato che le email sono importanti o molto importanti per la propria attività. Un dato che non passa inosservato è l’esiguo 9% dei marketer che ritiene che i contenuti delle proprie email siano sempre rilevanti; il 42% ammette che al massimo potrebbero esserlo solo alcune di queste. Più difficile da comprendere e illustrare sono le aspettative degli iscritti nei confronti dell’email marketing: hanno altre priorità o non sono affatto interessati alle molte email che ricevono. In media nella casella di posta dei destinatari ci sono 379 email non lette.

Quali sono gli ostacoli principali degli email marketer?

Un quarto degli email marketer ammette che il principale problema è la carenza di contenuti. Creare contenuti sempre nuovi e originali, e che interessino i destinatari, risulta essere l’ostacolo principale. Anche la mancanza di una vera e propria strategia risulta problematica per il 28% dei marketer; il 27% ritiene, inoltre, che ci siano troppi pochi dati a disposizione per condurre campagne soddisfacenti di email marketing. Per dati si intendono qui soprattutto gli indirizzi email, quindi le dimensioni delle liste di contatti. Inoltre per il 25% dei marketer, i silos di informazioni spesso rappresentano un problema; i dati dei clienti non sono sempre utilizzabili per le campagne di email marketing e non consentono alcun tipo di segmentazione.

Quali contenuti desiderano ricevere gli iscritti alla newsletter?

Spesso i marketer danno per scontato che i contenuti più originali siano anche quelli più efficaci. Non sempre, però, questa idea rispecchia le aspettative dei destinatari. Solo il 4% degli intervistati ha dichiarato di voler ricevere newsletter originali; in generale, preferiscono ricevere buoni sconto (50%) e prodotti gratis (43%). Anche regali fedeltà e spedizione gratuita sono molto apprezzati dal 38% degli intervistati. La maggior parte delle persone sembra dunque iscriversi a una newsletter nella speranza di risparmiare o di ricevere vantaggi esclusivi sull’acquisto dei prodotti del marketer. Solo l’originalità dei contenuti, pertanto, non soddisfa le aspettative degli iscritti. Meglio puntare su concreti vantaggi economici.

Studio DMA

Fonte: DMA 2017

Per quanto riguarda i contenuti, gli abbonati si aspettano anteprime dei nuovi prodotti (23%), lotterie (23%) e valutazioni di altri clienti (16%). Le preferenze espresse dagli intervistati mostrano chiaramente quanto sia importante che i contenuti facciano riferimento ai prodotti offerti, in forma più o meno esplicita. Del resto chi sia abbona a una newsletter di solito lo fa perché è interessato a quella determinata azienda e alle sue offerte. Quanto maggiori sono le offerte e quanto più facile è la procedura che dalla newsletter porta all’acquisto del prodotto, tanto maggiore sarà la rilevanza delle newsletter, oltre che la soddisfazione degli iscritti e il tasso di conversioni.

Come fare felici gli iscritti alla tua newsletter

Inviare regolarmente buoni sconto e regali ai propri clienti dovrebbe essere alla portata della maggior parte dei marketer. Ma come si possono creare contenuti realmente interessanti per i propri iscritti?

Non sono infatti solo le offerte a aumentare la rilevanza delle email. Quanto più una newsletter viene creata sulla base degli interessi specifici e sulle preferenze dei singoli destinatari, tanto maggiore è il suo grado di accettazione tra gli iscritti e il grado di successo della campagna. Per questo è indispensabile segmentare i gruppi di destinatari e personalizzare i contenuti delle newsletter. Suddividi le tue liste di contatti in gruppi target per facilitare l’invio di email individualizzate (con prodotti e offerte personalizzate) – ad esempio sulla base del sesso, dell’età o del comportamento di acquisto.

 

Personalizzando al meglio le campagne di email marketing con i dati a disposizione dei clienti e degli iscritti potrai essere sicuro di creare email uniche e mirate. Mettiti nei panni dei tuoi iscritti: quando vorresti ricevere un’email pubblicitaria? Come dovrebbe essere? Cosa ti serve realmente? Ponendoti queste domande potrai di sicuro far aumentare gli indici di successo delle tue campagne

Über den Autor

Angela Antonicelli
Country Manager Italia

War der Beitrag hilfreich?

Thank You!
Comments
  1. Martin -

    great blog!

Lascia un commento

Newsletter2Go utilizza i cookies per offrirti un servizio migliore. Se continui a navigare su questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookies. Acconsento.