Registrati gratis Login
Home » Blog » Come fare un ab test nell’email marketing

Come fare un ab test nell’email marketing

04/06/2018

test ab Newsletter2Go

Fai un ab test delle tue newsletter e scopri cosa piace di più ai tuoi lettori!

Hai mai fatto un ab test per vedere quale soluzione preferiscono i tuoi clienti e lettori? Vediamo assieme l’ab(c) di questa tecnica e i suoi vantaggi.

Che cos’è il test ab?

Sotto questo nome, che ricorda un po’ gli esperimenti scientifici, si cela un concetto fondamentale per il marketing. Il test ab indica infatti la prova che si sa fa quando si creano due versioni dello stesso contenuto e si va a verificare quale delle due ha avuto più successo fra i lettori.

Perché si fa un test ab?

Nel mondo nel marketing l’ab test è davvero fondamentale perché permette di comprendere i gusti dei lettori e soprattutto creare pagine e contenuti che piacciono a chi naviga su internet. Anche nel caso dell’email marketing, quindi dell’invio di newsletter ai propri clienti, l’ab test è molto importante.

Il test ab nell’email marketing

Infatti quando si inviano newsletter è fondamentale sapere quali sono i gusti dei nostri destinatari. Un ab test ci permette di creare due varianti della stessa email e vedere quale delle due ha ottenuto più aperture o conversioni. Vediamo ora assieme le domande fondamentali su questa procedura.

test ab Newsletter2Go

1. Quali sono gli elementi che possiamo davvero testare in una newsletter?

Se vuoi fare un test ab delle tue newsletter ci sono degli elementi che vanno presi sicuramente in considerazione:

Scendiamo ora nel dettaglio e vediamo che cosa possiamo testare per ogni elemento.

Variante A e B dello stesso testo

Partiamo subito dall’elemento fondamentale ovvero il contenuto della newsletter. Quando scriviamo un’email abbiamo un ventaglio immenso di possibilità. Grazie a un ab test potrai scrivere due newsletter che comunicano la stessa cosa ma in modo differente. Crea quindi due varianti in cui utilizzerai:

  • Un registro formale o informale
  • Un testo lungo o uno più breve

Vediamo l’esempio qui sotto di due emai che esprimono lo stesso contenuto ma formulato in modo differente. Quale delle due pensi che avrebbe maggiore successo fra i tuoi clienti?

Ricette test ab informale - Newsletter2Go
Ricette test ab formale - Newsletter2Go

Test ab del design della tua newsletter

L’altro grande elemento che può essere sottoposto ai test è il design, importantissimo per le newsletter. Anche qui ci sono diverse parti grafiche che possono essere testate:

  • Il layout
  • I colori
  • Le immagini

Il layout

Decidere se inserire dei blocchi di testo paralleli con sotto le immagini, oppure dei blocchi di testo alternati alle immagini, fa una grande differenza. Con la parola layout si includono infatti moltissimi elementi fra i quali la disposizione delle colonne di testo, la lunghezza e ampiezza della newsletter, la grandezza dei caratteri e dei titoli e molto altro ancora. In generale consiglio di focalizzarsi sugli aspetti più rilevanti ovvero la disposizione delle colonne di testo e il posizionamento delle immagini, così come puoi vedere qui sotto in questa newsletter creata con il nostro software.

Spostare l’immagine del whitepaper significa cambiare il modo in cui si presentano le informazioni ai lettori. Nella variante A l’immagine è a sinistra ed è quindi il primissimo elemento che salta all’occhio. Nella variante B invece ho messo in risalto la parola whitepaper e il testo che segue sotto. Il mio obiettivo nel test ab sarà quello di vedere quale delle due varianti ottiene il maggior numero di click sul link in blu.

Testa i colori della newsletter

Che i colori svolgano un ruolo davvero importante è certo. Esistono diversi studi sull’importanza dei colori nel marketing perché determinate tonalità tramettono determinati messaggi. Quando crei la tua newsletter assicurati di scegliere i colori giusti che siano in armonia con il tuo marchio ma anche con le sensazioni e le informazioni che vuoi trasmettere via email. Gioca con le tinte dei testi ma anche delle immagini e crea tue varianti differenti della stessa identica newsletter. In questo modo potrai verificare qual’è la versione più amata dai tuoi lettori.

Scegli dove posizionare le immagini

Anche le immagini, come i colori, trasmettono diversi messaggi ai destinatari: possono sostituire il testo oppure visualizzare un prodotto offerto. Ci sono infinite possibilità legate alla disposizione degli elementi grafici e la loro alternanza con i blocchi testuali. Proprio per questo è bene testare qualle delle varie opzioni piace di più ai nostri lettori; ma non solo: quali sono i concetti chiave che vuoi mettere in risalto con un’immagine? Come creare questo effetto? Nell’esempio qui sotto ho deciso di creare la variante A con due immagini e quella B con una sola. Nella prima newsletter ho voluto sottolineare fin da subito che si tratta di San Valentino e sotto ho messo l’accento sulla possibilità si scaricare dei modelli di newsletter per il 14 febbraio. Nella variante B invece ho deciso di inserire subito un’immagine dei modelli di newsletter utilizzabili gratuitamente, riducendo il numero di elementi grafici. Grazie al test andrò a verificare quali delle due varienti cattura di più la curiosità dei lettori e ottiene quindi più click sul bottone blu.

Test immagini test ab newsletter - Newsletter2Go
san_valentino ab test Newsletter2Go

Il test dei pulsanti call to action (CTA)

Un altro elemento che non può mancare nelle tue newsletter, e che vale la pena testare, è il CTA ovvero il bottone che permette al lettore di accedere ad un altro link o pagine web. Ci sono moltissimi studi sulla performance di questi pulsanti a seconda del loro colore, grandezza e posizione. Proprio per questo ti consiglio di creare due versioni differenti della stessa email ed inserire due CTA scegliendo uno di questi due elementi da differenziare:

  • Colore
  • Testo
  • Grandezza

Puoi ovviamente cambiare colore e testo allo stesso tempo ma ricordati: un buon ab test prende in esame una caratteristica alla volta. Qui, ad esempio, ho deciso di testare due colori – blu e verde – e vedere su quale dei due pulsanti è stato cliccato di più.

Test del bottone CTA in verde - Newsletter2Go
Test del bottone CTA in blu - Newsletter2Go

Scopri l’orario e il giorno di invio migliore con un test ab

Qual’è l’orario migliore per inviare le newsletter? Questa è una delle domande più difficili a cui rispondere perché ogni gruppo di destinatari e ogni settore professionale agisce in modo differente. Un test ab ti permette di schiarirti le idee e di conoscere meglio il tuo pubblico. Grazie alle piattaforme d’invio professionale delle newsletter potrai programmare l’invio a tuo piacere. Prova ad inviare la stessa email ad orari differenti e scopri quale delle due ha avuto più successo. Potrai applicare lo stesso concetto al giorno d’invio delle email e vedere qual’è il momento migliore durante la settimana per contattare i tuoi destinatari.

test ab Newsletter2Go

2. Come creare e monitorare un test ab?

Di solito le piattaforme di email marketing professionale presentano una funzione che ti permette di svolgere dei test ab. Con Newsletter2Go, ed esempio, puoi creare due varianti della stessa newsletter grazie alla funzione test ab dedicata. Fatto ciò potrai inviare la email ai destinatari e monitorare gli elementi che ti interessano come i tassi di apertura e i click su determinati elementi della newsletter. I dati sono disponibili direttamente nella piattaforma e potrai controllarli in modo comodo e pratico.

3. Le 2 regole d’oro dell’ab test

Prima di partire con il tuo test ab ho ancora 2 consigli da darti in modo che il tuo esperimento ti permetta di scoprire di più sui tuoi destinatari:

  1. Testa un solo elemento alla volta: non creare due versioni della stessa newsletter stravolgendo tutti gli elementi. Fissa un obiettivo e focalizzati sul test di una sola caratteristica alla volta.
  2. Ripeti il test regolarmente: fare il test ab una volta sola non è una buona idea. Il tuo pubblico cresce e cambia continuamente. Assicurati di ripetere questa procedura almeno 2 volte all’anno.

Oltre a queste regole d’oro ti consiglio anche di leggere il mio articolo sui 7 errori più frequenti quando si fa un ab test 😉

Il test ab è uno strumento davvero importante nel campo dell’email marketing perché consente di scoprire i gusti dei propri lettori. Ci sono molti elementi che possono essere testati: il testo, il design, i pulsanti CTA, gli orari e i giorni d’invio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Newsletter2Go utilizza i cookies per offrirti un servizio migliore. Se continui a navigare su questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookies. Acconsento.